Crea il Tuo Kit Da Viaggio alla Moda Per Ogni Emergenza

Suggerimenti e consigli

Problemi della pelle negli anziani: cause, cura e prevenzione

Problemi della pelle negli anziani: cause, cura e prevenzione

Per le persone anziane diviene ancora più importante prendersi cura della pelle. Con l’età la nostra pelle cambia. Ê un processo naturale che purtroppo non possiamo fermare. Con gli anni la cute diventa più fragile e di conseguenza più suscettibile a lesioni e traumi accidentali.

Una grave infezione della pelle o una ferita cronica possono causare dei seri problemi nelle persone anziane. Ecco perché i prodotti per l’igiene personale e un’ottima skincare routine dovrebbero avere la priorità assoluta.

Proprio per questo il ruolo dei caregiver è essenziale nell’assistere le persone anziane nella prevenzione dei disturbi della pelle.

Al fine di evitare problematiche serie, gli operatori sanitari e i familiari dovrebbero essere consapevoli di tutti i segni e sintomi delle malattie della pelle negli anziani.

Quando invecchiamo invecchiamo la nostra pelle appare più secca, facilmente irritabile, meno tonica e presenta dellle tipiche macchie scure. Le vene e le ossa diventano più visibili e la pelle appare meno carnosa e liscia.

Questo accade perché la pelle diventa più sottile e perde acqua più facilmente rendendola più sensibile ai raggi ultravioletti (UV) del sole. Anche i farmaci, le condizioni mediche, lo stress e l’obesità possono influenzare lo stato di salute e benessere della pelle.

In questo articolo imparerai di più sulle cause, i sintomi e i trattamenti specifici per 7 problematiche abbastanza comuni nelle persone di una certa età:

  • Pelle secca
  • Rughe
  • Macchie dell’età
  • Lentiggini senili
  • Piaghe da decubito
  • Xerosi
  • Prurito

Alcuni di questi problemi legati all’invecchiamento della pelle sono considerati normali (invecchiamento intrinseco). Altri possono essere causati da problemi di salute generalizzati, fattori ambientali e di stile di vita (invecchiamento estrinseco) come raggi UV, fumo o abuso di alcool. Scopri se il problema della pelle del tuo assistito anziano può essere considerato normale o legato a fattori non fisiologici e come puoi aiutarlo.

Persona Anziana si applica una crema

Immagine 1: l’idratazione e il nutrimento della pelle è essenziale.

Problemi comuni della pelle durante la vecchiaia

Il processo di rinnovamento delle cellule della pelle rallenta quando le persone invecchiano. Di conseguenza la cute tende ad essere più sottile e secca. Aumenta quindi la possibilità di formazione di tagli o lesioni che permettono l’ingresso di batteri negli strati più profondi della pelle.

Sempre per il rallentamento del rinnovamento delle cellule il periodo di guarigione della pelle dopo un taglio o un’infezione è molto più lungo. Qui abbiamo riassunto i problemi cutanei più comuni che le persone anziane potrebbero riscontrare.

Pelle secca 

Cause

L’essiccazione della pelle può essere causata da innumerevoli ragioni come la perdita delle ghiandole sebacee, la ridotta capacità di immagazzinare acqua, lo stress e il fumo. Potrebbe anche essere un segno di problemi più seri come diabete, insufficienza renale o malattie del fegato.

Sintomi

La secchezza cutanea è un problema comune tra gli adulti. La pelle tende ad essere più ruvida e squamosa e potrebbe portare a xerosi (maggiori informazioni in seguito) o eczema asteatosico se non affrontata per bene nella fase iniziale.

Prevenzione/cura

Per aiutare la persona anziana a ridurre al minimo la secchezza, è utile idratare quotidianamente la pelle con una crema delicata e idratante che, idealmente, contenga burro di karitè e miele e che abbia un pH auto-equilibrante.

Una crema corpo isodermica può aiutare a mantenere la pelle degli anziani altamente idratata e prevenire ulteriori danni. Pertanto è necessaria una corretta selezione dei prodotti per il bagno e la cura della pelle.

La maggior parte delle malattie della pelle più gravi possono avere inizio con una semplice secchezza, quindi abbiamo condiviso altri suggerimenti nella parte successiva di questo articolo su come gestirla.

Pelle secca in una persona anziana

Immagine 2: esempio di pelle secca

Rughe

Cause

Le rughe sono i segni più visibili dell’invecchiamento. Si manifestano poiché la pelle perde la sua flessibilità e inizia a produrre meno collagene, fibre di elastina e acido jaluronico.

Prevenzione/cura

Si può ripristinare l’elasticità della pelle? Poiché la loro comparsa è intrinseca nella natura umana, le rughe non possono essere curate ma possono essere ammorbidite o rallentate con l’aiuto di prodotti antietà ricchi di ingredienti naturali che esaltano la carnagione di ogni persona, aiutano a ridurre le rughe e ad ispessire la pelle.

Scegli una crema viso nutriente dal tocco morbido e vellutato. La crema ideale dovrebbe avere un’elevata quantità di principi attivi, come per esempio l’estratto di Poria Cocos e Kigelia africana. Questi due componenti attivi lavorano insieme per ridurre i segni più evidenti dell’età aumentando lo spessore, la luminosità e la microcircolazione della pelle, oltre a ridurre l’evidenza delle rughe.

In alternativa, la tretinoina è un altro rimedio utile che accelera il processo di creazione di nuove cellule e riparazione di quelle danneggiate. Aiuta anche a schiarire la pigmentazione della pelle.

Oltre ai prodotti antietà e alla tretinoina, si consiglia anche di ridurre l’esposizione della persona ai raggi del sole e comunque di applicare sempre un prodotto con fattore di protezione alto.

Persona anziana con rughe sul viso

Immagine 3: esempio di rughe. Queste in particolare sono  comunemente chiamate “codice a barre”.

Macchie dell’età

Cause

Durante l’età adulta compaiono spesso macchie sul viso, sulle mani, sulle spalle e sugli avambracci. Ciò è causato in molti casi dal mutare del metabolismo della melanina o dalla lunga esposizione al sole che abbiamo durante la nostra vita.

Sintomi

Sono macchie marroni, grigie o nere che di solito si raggruppano in una determinata area. Non sono cancerogene e possono essere alleviate utilizzando prodotti sbiancanti.

Prevenzione

Le macchie dell’età possono essere prevenute utilizzando prodotti per la protezione solare che sono efficaci nel proteggere la persona dai raggi UVA e UVB del sole. Immaginiamo che non sia facile per una persona anziana la scelta del prodotto più idoneo, quindi è di vitale importanza rivolgersi ad un dermatologo per un consiglio professionale.

E’ molto importante affiancare all’uso di prodotti sbiancanti e di protezione solare una detersione effettuata con un eccellente detergente visoa base di ingredienti naturali come fiordaliso e fiore di loto per un’azione naturale, astringente e rinfrescante, oltre al burro di karitè per una pelle morbida e setosa.

Mano di un anziano con

Immagine 4: tipico esempio di macchie senile localizzate sul dorso della mano

Problemi della pelle più gravi nelle persone anziane

Come affermato in precedenza, ci sono disturbi della pelle associati alla vecchiaia causati da problemi di salute generalizzati, abitudini personali e ambiente esterno. Per questi problemi della cute è necessaria una maggiore attenzione da parte dei caregiver, ma soprattutto è importante rivolgersi a medici esperti per evitare complicazioni.

Lentiggini senili e cancro della pelle

Causa

Come le macchie dell’età, i cambiamenti della pigmentazione come le lentiggini senili spesso sono il risultato dei danni del sole alla pelle.

Sintomi

Le lentiggini senili sono macchie marroni che sembrano normali lentiggini ma sono più grandi. Se diventano più in rilievo e più grandi, potrebbero anche evolversi in qualcosa di più grave, come un cancro della pelle.

Prevenzione/cura

Applicare la protezione solare sulle parti del corpo esposte dell’anziano ogni volta che esce. Usa i prodotti giusti, facendoti consigliare dal tuo medico o dal farmacista di fiducia. Anche indossare cappelli, maniche lunghe e pantaloni lunghi può aiutare nella prevenzione perché si diminuisce l’esposizione ai raggi solari.

Le lentiggini senili possono essere rimosse da uno specialista attraverso il congelamento, l’elettrochirurgia o l’applicazione di sostanze chimiche.

Secondo delle ricerche, nel 2020 si sono registrati in Europa 150.627 nuovi casi di melanoma cutaneo (fonte: Globocan). Confrontando questo dato con quelli degli anni precdenti risulta che c’è un forte aumento negli ultimi anni. 

Quindi la prevenzione è di fondamentale importanza. Verificare con un medico non appena i segni di lentiggini senili sono più visibili sulla pelle, in modo da tenere immediatamente sotto controllo la cute ed evitare problemi più gravi. 

Lentiggini in una persona anziana

Immagine 5: Lentiggini dovute all’esposizione solare localizzate sulle mani.

Piaghe da decubito

Cause

Le piaghe da decubito si presentano in una fase iniziale come un’area arrossata sulla pelle. Si manifestano soprattutto nelle persone che sono costrette a stare sedute o allettate per un lungo periodo.

Infatti l’afflusso di sangue che viene distribuito alla pelle dai capillari inizia ad interrompersi dopo più di 3 ore di pressione continuativa e la cute inizia ad accusare i primi danni.

Sintomi

Ci sono 4 stadi di piaghe da decubito:

  • Stadio 1: La pelle ancora intatta si presenta di color rosso intenso e tende ad essere leggermente pruriginosa e dolente.
  • Stadio 2: La pelle assume un colore biancastro, accompagnato da gonfiore, vesciche o ferite aperte di lieve entità.
  • Stadio 3: Si crea una ferita simile a un cratere che si estende più in profondità nella pelle fino a raggiungere la parte grassa.
  • Stadio 4: La ferita si estende oltre la parte grassa arrivando fino ai muscoli e ai tendini. In casi gravi arriva fino alle ossa, rischiando infezioni più gravi.
4 stadi delle piaghe da decubito

Infografica 1: I 4 stadi di una piaga da decubito

Prevenzione

E’ importantissimo prevenire la comparsa delle piaghe da decubito perchè il loro progredire a stadi più avanzati porta con sè la maggior probabilità di contrarre infezioni. Le persone costrette a letto rischiano più facilmente di passare a stadi più aggressivi, ma questo deve essere evitato. Per fare ciò, il ruolo del caregiver è essenziale perché deve:

  1. Aiutare la persona anziana ad evitare pressioni prolungate su caviglie, talloni e glutei perché hanno una pelle sottile che si può facilmente strappare. Si consiglia di cambiare posizione regolarmente, ogni ora o due.
  2. Mantenere la pelle dell’assistito costantemente pulita e asciutta e controllare ogni giorno la presenza di eventuali arrossamenti, gonfiori o indolenzimenti. Informare un medico se ci sono cambiamenti della pelle
  3. Evitare saponi, detergenti per il corpo e borotalco che seccano la pelle. Chiedere a un dermatologo o persone specializzate per informazioni più sicure.
  4. In caso di piaghe da decubito di primo o secondo grado, è necessaria quotidianamente una crema idratante a base d’acqua (non a base di olio). Può proteggere la pelle e lasciarla respirare.
  5. Non strofinare o massaggiare le aree ossee durante il bagno. 
  6. Utilizzare sempre materassi protettivi, cuscini di seduta, zeppe per il tallone e protezioni per gli arti per proteggere la pelle dell’anziano da strappi e piaghe da decubito.
  7. Assicurarsi che l’assistito sia sempre ben idratato (a meno che il medico non lo abbia sconsigliato).
  8. Garantire pasti regolari e aiutare la persona anziana a sedersi fuori dal letto per mangiare, se può.
  9. Far mantenere una regolare igiene quotidiana.
  10. Se la persona ha una piaga da decubito di qualunque grado, pianificare le routine di medicazione e cura con l’infermiere o il medico curante.
Piaghe da decubito in una persona anziana

Immagine 6: Piaga da decubito di secondo grado localizzata nella zona dell’anca

Xerosi

Cause

Le persone anziane possono soffrire di xerosi a causa della ridotta attività delle ghiandole sebacee e sudoripare. Tale condizione rende la pelle meno idratata, nutrita e protetta. Nei casi più gravi la xerosi può anche essere causata da malattie renali, carenza di zinco e acidi grassi essenziali, malattie della tiroide e disturbi neurologici.

Sintomi

La xerosi di solito si mostra sulle gambe degli anziani, ma può essere visibile anche sulle mani e sul tronco. Spaccature e fessure compaiono sulla pelle e, se raggiungono gli strati profondi, possono causare sanguinamento. Se la persona si graffia per cercare un po’ di sollievo dalla sensazione di prurito, l’irritazione della pelle peggiora e può causare infezioni.

Prevenzione

E’ importantissimo intervenire con un trattamento preventivo per alleviare i primi sintomi durante la fase iniziale, quando la pelle si presenta semplicemente secca e pruriginosa.

Essenziale è utilizzare detergenti e creme idratanti che contengano acido lattico poiché questo è un efficace antimicrobico e aiuta anche ad eliminare le cellule morte della pelle. Inoltre è molto importante usare saponi e detergenti con ingredienti naturali per ridurre al minimo ulteriori danni alla pelle.

Consigliamo di chiedere immediatamente l’aiuto di un dermatologo o di un medico se le condizioni peggiorano nonostante il trattamento, ad esempio quando la pelle inizia a sanguinare, sbucciarsi o inizia a presentare eruzioni cutanee a forma di anello.

Pelle secca con xerosi

Immagine 7: Pelle danneggiata in una persona anziana

Prurito

Cause

Questo è un altro problema dermatologico molto comune negli anziani. Colpisce il cuoio capelluto, le braccia, le gambe o anche tutto il corpo.

A volte il prurito è legato a un condizionamento psicologico che porta al tic di grattarsi di continuo, può essere legato a una scarsa circolazione periferica oppure potrebbe derivare da malattie del fegato o dei reni, diabete e altre malattie croniche. Potrebbe anche essere causato da allergeni o problemi della pelle esistenti come xerosi, eczema, psoriasi.

Sintomi

E’ molto fastidioso perché la persona sente un costante desiderio di grattarsi, in quanto la zona diventa sempre più pruriginosa con il passare del tempo. A lungo andare si ha la nascita di vesciche, arrossamenti e lesioni.

Clicca sull’immagine per visualizzare gli 8 consigli

8 rimedi per il prurito negli anziani

Infografica 2: 8 consigli per lenire il prurito in un anziano

Prevenzione

Per aiutare a prevenire il prurito, puoi applicare questi rimedi, approvati dal dermatologi:

  • Applicare un impacco di ghiaccio sulla pelle pruriginosa per un effetto rinfrescante.
  • Usare una crema lenitiva e antinfiammatoria come Total Gen. Prima di usarlo, puoi metterla in frigorifero per un effetto rinfrescante.
  • Aiutare ad alleviare il prurito preparando un bagno sciogliendo nell’acqua della farina di avena per la persona assistita.
  • Usare acqua tiepida (non calda perché può seccare ancora di più la pelle) per il bagno o la doccia e limitarla a meno di 10 minuti.
  • Mantenere un’umidità equilibrata all’interno della stanza o della casa poiché sbalzi di temperatura estremi possono causare prurito.
  • Acquistare lozioni, saponi e detersivi ipoallergenici “senza profumo” per ridurre al minimo l’irritazione. Controllare le etichette per gli ingredienti per assicurarti che non siano state aggiunte sostanze chimiche potenzialmente allegenizzanti.
  • Applicare eventuali farmaci prescritti prima della crema idratante.
  • Cercare di ridurre lo stress dell’assistito perché può peggiorare il prurito.

Se il prurito colpisce gran parte del corpo e non è gestibile autonomamente, è fondamentale consultare un medico specialista.

Pelle con eruzioni cutaneee che causano prurito

Immagine 8: Irritazioni cutanee in una persona anziana che causano prurito

Altri suggerimenti per la gestione della pelle secca e pruriginosa negli anziani

Come accennato in precedenza, la pelle secca e pruriginosa potrebbe essere l’inizio di un problema cutaneo più grave se non gestito immediatamente. Di seguito abbiamo raccolto con cura i rimedi che puoi utilizzare a casa per aiutare a lenire le sofferenze della persona assistita e prevenire la progressione della sua condizione.

Consigli sull’igiene personale

  • Utilizzare un sapone detergente delicato formulato per pelli secche o detergente specifico che contenga una crema idratante con VITAMINA E complessata con Acido Lipoico e Bisabololo per offrire una risposta mirata alle esigenze della pelle secca, screpolata, soggetta ad arrossamenti e altre alterazioni.
  • Applicare una lozione idratante, un unguento o una crema creata per aiutare a rigenerare le cellule della pelle ogni giorno. Una lozione idratante è un’ottima soluzione poiché è specificatamente formulata per la pelle secca e squamosa.
  • Applicare subito dopo il bagno per ottenere i migliori risultati. Nel caso in cui la pelle dell’anziano rimanga secca e pruriginosa anche dopo l’applicazione regolare di creme idratanti, consultare un dermatologo. 
  • Rendere i bagni meno frequenti. E’ sufficiente un bagno completo una volta alla settimana per evitare che la pelle perda i suoi fattori idratanti naturali. 
  • Fare il bagno o lavare il viso e le mani della persona assistita con acqua tiepida. Non dimenticare di applicare una lozione o una crema idratante ipoallergenica dopo ogni lavaggio delle mani, del viso o del corpo.
  • Utilizzare un panno morbido (microfibra o cotone biologico) per il bagno e la doccia invece di spugne o prodotti abrasivi. Ricorda che la pelle nella vecchiaia è molto più fragile.
igiene personale per evitare problemi della pelle

Infografica 3: consigli sull’igiene personale per prevenire problemi della pelle

Suggerimenti sullo stile di vita

  • Aiutare l’assistito a indossare abiti larghi e comodi (preferibilmente cotone piuttosto che poliestere o altri tessuti sintetici).
  • Cambiare e lavare regolarmente i vestiti e la biancheria da letto della persona assistita per rimanere puliti e prevenire la crescita e la diffusione di batteri che possono peggiorare le irritazioni e il prurito della pelle.
  • Durante l’inverno o le stagioni secche, utilizzare umidificatori e vaporizzatori all’interno delle case o della stanza per aggiungere umidità all’ambiente. Gli umidificatori hanno anche altri benefici per la salute, come contribuire al benessere dell’apparato respiratorio..
  • Mantenere la persona costantemente idratata aumentando la sua assunzione di acqua e altri liquidi. Alcuni anziani hanno difficoltà a ricordare di bere e di deglutire, quindi la tua assistenza è importante. Gli uomini dovrebbero bere almeno 2 litri mentre le donne dovrebbero bere almeno 1,6 litri di liquidi al giorno. Offri una varietà di bevande come tè, succhi di frutta e acqua a seconda delle sue preferenze.
  • Limitare la caffeina nella propria dieta in quanto può contribuire al prurito e alla secchezza della pelle.

Conclusione

i Caregiver e gli operatori sanitari possono aiutare a prevenire o curare i disturbi della pelle degli anziani, indipendentemente dal fatto che la causa sia l’invecchiamento intrinseco (naturale) o l’invecchiamento estrinseco (ambiente o stile di vita).

In primo luogo è sempre consigliabile consultare degli specialisti. Il secondo passo è onsiderare nel consulto medico la loro alimentazione e il loro stato fisico e mentale. Da qui si può capire qual è la corretta alimentazione da proporre, quali sono i loro limiti in termini di attività e quali prodotti utilizzare per la loro igiene personale.

La miglior cura per questi comuni problemi della pelle è sicuramente la prevenzione. E’ tuttavia possibile intervenire con buoni risultati anche gestendoli nelle fasi iniziali di comparsa dei primi sintomi. Controlla regolarmente l’assistito per macchie sospette o cambiamenti nella loro pelle. 

Domande frequenti

Come intrattenere una persona costretto a letto?

Ci sono diversi modi per intrattenere qualcuno che è costretto a letto. Puoi impegnarti in conversazioni su argomenti di interesse per entrambi. Potete guardare un film o una serie insieme. Puoi giocare a giochi da tavolo o a carte per tenerlo impegnato e divertirti allo stesso tempo.

Come rallegrare una persona costretta a letto?

Rallegrare una persona allettata a volte può essere difficile. Molte volte una visita o una telefonata possono essere sufficienti per sollevare il loro umore. Puoi considerare di passare più tempo con loro e di visitarli più spesso per tirarli su di morale.

Impegnarsi in attività a due, come giochi da tavolo può anche essere efficace nel farli sentire meglio. Un altro modo per rallegrare una persona costretta a letto è fargli un regalo premuroso.

Cosa puoi fare per divertirti quando non puoi camminare?

Le persone costrette a letto sono ovviamente limitate fisicamente ma ci sono ancora molte attività divertenti che possono fare.

Ascoltare musica, guardare la TV, leggere un libro, disegnare, giocare a giochi da tavolo, risolvere enigmi, giocare ai videogiochi e dedicarsi ai lavori manuali sono tutte ottime attività coinvolgenti.

Per più idee puoi dare un’occhiata al nostro articolo a riguardo!

Testimonianze

“I vostri prodotti sono eccezionali, lo dico veramente, a mio padre è passato un eritema che aveva da anni sul braccio! Grazie di Cuore!”

Gianluca R.

“Assolutamente sì! Anzi, ti dirò, perfino meglio, la pelle rimane morbida e ben idratata. Sono molto soddisfatta, tanto che lo uso anche come detergente intimo! ☺

Federica M.
Federica M.

“Ottimo prodotto! Lo uso da pochissimo, e già ha contribuito, ad esempio, a diminuire di molto il prurito locale! Credo che non ne farò più a meno ?

Eriola G.

“Ottimo prodotto! il prezzo è molto accessibile.”

Mary

Dermodetergente per la perfetta e naturale igiene dello stoma