Blog

caregiver-tips

8 Consigli per aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche

8 Consigli per aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche

Hai mai avuto a che fare con un anziano ostinato che, anche se era chiaro che soffrisse, rifiutava l’assistenza medica? Ti mostreremo come affrontare questo ostacolo e ti aiuteremo a migliorare le tue capacità comunicative per convincere gli anziani e ottenere l’aiuto necessario.

Prima di immergerti in una panoramica dettagliata e approfondita di consigli utili, ecco la risposta che cercavi:

Per convincere gli anziani che rifiutano di farsi visitare da un medico, i caregiver devono comunicare chiaramente e affrontare le loro paure. Fornire informazioni accurate, coinvolgerli nel processo decisionale, rispettare la loro autonomia ed essere pazienti. Far comprendere loro che rivolgersi ad un medico è importante e che resterete sempre al loro fianco per sostenerli.

1. Comprendere le ragioni della resistenza

Comprendere ragioni resistenza anziani

Comprendere le ragioni della resistenza

La resistenza alle cure mediche può essere un problema comune per gli anziani, soprattutto se hanno a che fare con malattie croniche o hanno subito un declino della loro salute generale. Comprendere le ragioni della resistenza può aiutare i caregiver e gli operatori sanitari ad affrontare meglio il problema e a sviluppare strategie efficaci per superarlo.

Una delle ragioni principali della resistenza è la paura. Molti anziani possono temere l’ignoto ed essere in ansia per i potenziali effetti collaterali o i rischi associati a un determinato trattamento. Possono anche temere di perdere la loro indipendenza o di non essere in grado di svolgere le loro attività quotidiane.

Un altro motivo di resistenza è la mancanza di comprensione o la sfiducia. Gli anziani potrebbero aver bisogno di comprendere appieno lo scopo o i benefici del trattamento e potrebbero esitare a procedere. Possono anche diffidare del sistema sanitario o avere avuto precedenti esperienze negative con i trattamenti medici.

Inoltre, la resistenza può essere legata anche a convinzioni culturali o personali. I pazienti possono avere convinzioni culturali o personali incompatibili con il trattamento offerto e possono sentirsi a disagio nel seguirlo.

Per comprendere le ragioni della resistenza, è importante prendersi il tempo necessario per ascoltare l’anziano e capire il suo punto di vista. Anche il medico e gli specialisti devono essere consapevoli delle potenziali cause di resistenza, come la paura, la mancanza di comprensione, le esperienze negative passate e le convinzioni culturali o personali, ed essere disposti ad affrontarle con empatia e rispetto.

2. 8 Consigli per aiutarli

8 consigli per aiutarli

8 Consigli per aiutarli

Consiglio 1: Comunicare in modo chiaro ed empatico

Una comunicazione chiara è essenziale per creare fiducia e comprensione tra gli anziani e gli operatori sanitari. Ciò può contribuire ad alleviare paure e preoccupazioni e a far sentire l’anziano più a suo agio e disposto a procedere con il trattamento.

Parlare chiaramente 

Quando si comunica con gli anziani, è importante parlare chiaramente e utilizzare un linguaggio semplice e di facile comprensione. Occorre evitare l’uso di gergo medico o di termini tecnici che potrebbero confondere o rendere eccessivo il discorso. Al contrario, spiegare lo scopo e i benefici del trattamento in un modo che sia facile da capire per l’anziano.

Mostrare empatia 

Anche l’empatia è fondamentale quando si comunica con gli anziani. I caregiver e gli operatori sanitari devono tenere conto del punto di vista dell’anziano ed essere disposti ad ascoltare e comprendere le sue paure e preoccupazioni. Mostrando empatia, gli assistenti e gli operatori sanitari possono contribuire a creare fiducia e a far sì che l’anziano si senta più a suo agio e disposto a partecipare alle cure.

Consiglio 2: Incoraggiarli a fare domande

Incoraggiare gli anziani a fare domande sul trattamento può contribuire ad alleviare timori e preoccupazioni, fornendo loro le informazioni necessarie per comprendere lo scopo e i benefici del trattamento.

Rassicurarli

Gli anziani possono esitare a fare domande, per paura di sembrare poco collaborativi o difficili. I caregiver e gli operatori sanitari devono rassicurare sul fatto che è naturale avere domande e dubbi e che devono sentirsi a proprio agio nel porre qualsiasi domanda.

Essere trasparenti 

Quando si risponde alle domande, è importante essere onesti e precisi. Evitate di fornire risposte vaghe o poco chiare e siate disposti a fornire ulteriori informazioni se necessario. Essendo trasparenti e fornendo informazioni accurate, i caregiver e gli operatori sanitari possono contribuire ad alleviare i timori e le preoccupazioni e a creare fiducia nella persona anziana.

Non dimenticare l’essenziale

 È importante considerare le capacità cognitive dell’anziano e le limitazioni dell’udito, della vista o della mobilità quando si risponde alle domande. Alcuni potrebbero avere difficoltà a comprendere o elaborare le informazioni, oppure potrebbero non essere in grado di vedere o sentire correttamente, quindi è importante fare gli aggiustamenti necessari.

Essere rispettosi 

Inoltre, è importante considerare la cultura e le credenze dell’anziano quando si risponde alle domande, perché potrebbe avere domande specifiche o preoccupazioni legate alle sue credenze culturali o personali.

Consiglio 3: Fornire rassicurazioni

La rassicurazione può contribuire ad alleviare le paure e le preoccupazioni, facendo sentire l’anziano più a suo agio e fiducioso nel trattamento.

La rassicurazione può assumere diverse forme, come la rassicurazione verbale che il trattamento sarà benefico e che l’équipe sanitaria è lì per aiutare, o la rassicurazione fisica attraverso il tocco o una presenza rassicurante. È importante tenere presente che l’anziano può avere esigenze fisiche ed emotive, e fornire rassicurazioni può aiutare a soddisfarle.

È importante anche rassicurare sulla sicurezza del trattamento. Molti anziani possono temere i potenziali rischi o effetti collaterali del trattamento, e fornire rassicurazioni sulla sicurezza può contribuire ad alleviare questi timori.

Inoltre, è fondamentale fornire rassicurazioni sull’impatto delle cure. Gli anziani possono essere preoccupati per il trattamento e per il suo potenziale impatto sulla loro vita quotidiana e sulle loro routine. Assicurare che la loro vita quotidiana sarà il più normale possibile può contribuire ad alleviare questi timori.

È anche importante rassicurare che saranno coinvolti nel processo decisionale e che la loro autonomia sarà rispettata.

In sintesi, fornire rassicurazioni è un passo importante per aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche. La rassicurazione può assumere molte forme, come la rassicurazione verbale, la rassicurazione fisica e la risposta ai problemi di sicurezza, continuità delle cure e autonomia. Fornendo rassicurazioni, i caregiver e gli operatori sanitari possono contribuire ad alleviare le paure e le preoccupazioni e a far sentire l’anziano più a suo agio e fiducioso nelle cure.

Consiglio 4: Offrire sostegno emotivo

Il sostegno emotivo può svolgere un ruolo cruciale nell’aiutare gli anziani ad affrontare la paura e l’ansia associate alle cure mediche.

Offrire speranza e ottimismo, pur riconoscendo le loro preoccupazioni.

Offrire speranza e ottimismo è un aspetto importante del sostegno emotivo per aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche. Si tratta di riconoscere le loro preoccupazioni e paure, sottolineando al contempo i benefici e i potenziali risultati positivi del trattamento. È importante essere realistici e non sminuire le loro preoccupazioni, ma anche ricordare loro le risorse disponibili e il supporto fornito. Questo può contribuire ad alleviare le paure e le preoccupazioni e a dare un senso di positività all’anziano.

Incoraggiarli a esprimere le proprie emozioni e convalidare i loro sentimenti.

Incoraggiare gli anziani a esprimere le proprie emozioni e convalidare i loro sentimenti è un aspetto importante del sostegno emotivo. Si tratta di creare uno spazio sicuro per condividere le loro preoccupazioni e paure e di ascoltarli attivamente senza giudicarli o interrompere. Convalidando i loro sentimenti, i caregiver e gli operatori sanitari dimostrano di comprendere ed entrare in empatia con l’anziano, facendolo sentire ascoltato e compreso. Questo può contribuire ad alleviare paure e preoccupazioni e a far sentire l’anziano più a suo agio e fiducioso nel trattamento.

Essere disponibili a parlare, ascoltare e offrire sostegno in caso di necessità.

La disponibilità a parlare, ascoltare e offrire sostegno in caso di necessità è un aspetto importante del sostegno emotivo. Si tratta di essere presenti e attenti alle esigenze dell’anziano, sia che si tratti di ascoltare, di incoraggiare o semplicemente di essere presenti. Questo può contribuire ad alleviare paure e preoccupazioni e a dare un senso di conforto e sicurezza all’anziano. È importante far sapere all’anziano che può rivolgersi a voi ogni volta che ne ha bisogno e che sarete lì a sostenerlo.

Coinvolgere i familiari o gli amici più stretti per un ulteriore sostegno emotivo.

Coinvolgere i familiari o gli amici più stretti per un ulteriore sostegno emotivo è un aspetto importante per aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche. Queste persone hanno spesso una visione preziosa delle preoccupazioni e delle paure dell’anziano e possono fornire ulteriore supporto emotivo e conforto. Coinvolgerli nel processo può anche contribuire a garantire la continuità delle cure e a fornire un ulteriore sostegno all’anziano dopo il trattamento. È importante coinvolgerli nel processo decisionale e rispettare l’autonomia e la privacy dell’anziano.

Contribuire a creare un ambiente positivo che favorisca il comfort e la sicurezza.

Contribuire a creare un ambiente positivo che favorisca il comfort e la sicurezza è un aspetto importante del sostegno emotivo. Si tratta di creare uno spazio caldo e accogliente in cui l’anziano si senta al sicuro e a proprio agio. Ciò può essere ottenuto fornendo un ambiente pulito, ben illuminato e confortevole. È inoltre necessario garantire un livello adeguato di privacy e rispettare lo spazio personale dell’anziano. Inoltre, è importante fornire un senso di normalità e di routine, che si può ottenere mantenendo il più possibile la routine quotidiana dell’anziano. Questo può contribuire ad alleviare le paure e le preoccupazioni e a fornire un senso di comfort e sicurezza all’anziano.

Aiutare la persona a entrare in contatto con gruppi di sostegno o servizi di consulenza, se necessario.

Aiutare l’anziano a entrare in contatto con gruppi di sostegno o servizi di consulenza, se necessario, è un aspetto importante del sostegno emotivo. Si tratta di individuare la necessità di un ulteriore sostegno e di fornire l’accesso alle risorse che possono aiutare la persona ad affrontare le proprie paure e preoccupazioni. I gruppi di sostegno forniscono una piattaforma per condividere le proprie esperienze e offrire sostegno e comprensione reciproci. I servizi di consulenza forniscono un aiuto e una guida professionale per rispondere alle esigenze specifiche della persona. Questi servizi possono contribuire ad alleviare paure e preoccupazioni e a fornire un senso di conforto e sicurezza all’anziano. È importante rispettare l’autonomia dell’anziano e assicurarsi che sia a suo agio con l’idea di entrare in contatto con gruppi di sostegno o servizi di consulenza.

Consiglio 5: Essere pazienti

Essere pazienti è importante quando si offre assistenza agli anziani, che possono avere bisogno di più tempo per elaborare le informazioni, adattarsi all’idea del trattamento medico e prendere decisioni.

Essere pazienti significa dare all’anziano il tempo di esprimere le proprie preoccupazioni e paure e di fare domande. Significa anche non mettergli fretta nel prendere una decisione sul trattamento e lasciargli il tempo di riflettere e di prendere una decisione con cui si sente a suo agio.

È anche importante essere pazienti con le capacità fisiche e cognitive dell’anziano. Molti anziani possono avere difficoltà a comprendere o elaborare le informazioni o essere più lenti nel prendere decisioni a causa del declino cognitivo. Con pazienza e comprensione, i caregiver e gli operatori sanitari possono contribuire ad alleviare paure e preoccupazioni e a far sentire l’anziano più a suo agio e fiducioso nel trattamento.

In sintesi, essere pazienti è un passo essenziale per aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche.

Consiglio 6: Usare la distrazione

La distrazione può essere uno strumento utile per aiutare gli anziani ad affrontare la paura e l’ansia associate alle cure mediche. Esistono diversi tipi di distrazione che possiamo proporre agli anziani. Alcuni esempi sono:

Ascoltare musica

Di seguito sono elencate 5 canzoni che sono note per le loro proprietà calmanti e tranquillizzanti e che possono essere utilizzate come distrazione durante le cure mediche per gli anziani. Queste canzoni possono contribuire a creare un senso di calma e di rilassamento e a distogliere la mente dal trattamento.

 “Weightless” di Marconi Union

 È stato scientificamente dimostrato che questa canzone riduce lo stress e l’ansia del 60% creando un senso di calma e tranquillità. La canzone è caratterizzata da un tempo specifico, armonie e linee di basso che lavorano insieme per rallentare la frequenza cardiaca e abbassare la pressione sanguigna.

Link: Marconi Union – Weightless (Official Video)

 “Ninna nanna di Mozart” di Brahms

Questa ninna nanna classica è calmante e delicata e può contribuire a creare un senso di calma e rilassamento. La melodia è semplice e ripetitiva, il che può essere utile per gli anziani che hanno difficoltà a concentrarsi.

Link: Ninna Nanna Mozart: Musica Classica per Bambini, Musica per Dormire Bambini, Bambini Canzoni 

“Somewhere Over the Rainbow” di Israel Kamakawiwo’ole

Questa versione della canzone classica è allegra e ottimista e può contribuire a creare un senso di speranza e positività. L’ukulele e il canto in stile hawaiano possono anche fornire un senso di sensibilità culturale e di conforto.

Link: OFFICIAL – Somewhere Over the Rainbow 2011 – Israel “IZ” Kamakawiwo’ole

“What a Wonderful World” di Louis Armstrong

Questa canzone è allegra e ottimista e può contribuire a creare un senso di speranza e positività. Il testo parla della bellezza della natura, che può essere una distrazione rilassante per gli anziani.

Link: Louis Armstrong – What A Wonderful World (Official Video)

 “Tears in Heaven” di Eric Clapton

 Questa canzone è una ballata classica ed emotiva, che può contribuire a creare un senso di conforto e sicurezza. La melodia è rilassante e il suono della chitarra è delicato, e può dare un senso di calore e di conforto.

Link: Eric Clapton – Tears In Heaven (Official Video)

Lettura 

 “Il vecchio e il mare”

È una novella di Ernest Hemingway, pubblicata nel 1952. La storia racconta di Santiago, un pescatore ormai anziano che è rimasto 84 giorni senza prendere un pesce, e della sua lotta contro un marlin gigante. È una storia potente sulla perseveranza, la determinazione e lo spirito umano. Il libro racconta in modo semplice ma profondo la lotta di un uomo contro gli elementi e i propri limiti e il rapporto tra il vecchio e il mare.

“Il giardino segreto”

È un romanzo di Frances Hodgson Burnett, pubblicato per la prima volta nel 1911. La storia segue Mary Lennox, una giovane ragazza che, dopo la morte dei genitori, viene mandata a vivere con lo zio in una tetra Inghilterra. Scopre un giardino nascosto che è rimasto chiuso per anni e, con l’aiuto di suo cugino Colin e di un ragazzo del posto, Dickon, riporta in vita il giardino e, nel frattempo, aiuta Colin a guarire dalla sua malattia. La storia è un classico senza tempo, con i temi dell’amore, della perdita e del potere della natura di guarire, ed è un ottimo diversivo per gli adulti più anziani che amano leggere e ricordare la loro infanzia.

“Dove cresce la felce rossa”

È un romanzo di Wilson Rawls, pubblicato nel 1961. È la storia di un ragazzo di nome Billy che vive negli Ozarks e sogna di possedere una coppia di cani da caccia. Il romanzo racconta la storia del suo viaggio per mettere da parte abbastanza soldi per comprare i cani, e le avventure e le sfide che affronta con loro mentre impara a conoscere le responsabilità e le ricompense del possedere e di addestrare i cani. È la storia commovente e nostalgica di un ragazzo e dei suoi cani, ambientata negli Ozarks, e può essere una grande distrazione per gli adulti più anziani che amano leggere e ricordare la loro infanzia.

Guardare film o programmi televisivi 

Guardare programmi televisivi o film può essere un’ottima distrazione per gli anziani che sono in grado di vedere e sentire. Permettono di intrattenersi e di distogliere la mente dal trattamento. È importante scegliere gli spettacoli o i film giusti, adatti alle capacità cognitive e agli interessi dell’anziano. 

Inoltre, è importante considerare anche le limitazioni di mobilità dell’anziano: se non può muoversi troppo, guardare un film o un programma televisivo su un tablet o un computer portatile potrebbe essere più comodo per lui.

Giochi o puzzle 

Giocare o fare puzzle può essere un’ottima distrazione per gli anziani che sono in grado di dedicarsi a tali attività. Permettono loro di concentrarsi su qualcos’altro e di distogliere la mente dal trattamento. È importante scegliere giochi o puzzle adatti alle capacità cognitive e agli interessi dell’anziano. 

Per esempio, se l’anziano ama i puzzle di parole, potrebbe divertirsi a fare le parole crociate o il Sudoku, mentre se gli piacciono i giochi di abbinamento, potrebbe divertirsi a giocare a memory o a carte abbinate. Giocare o fare puzzle può anche aiutare a stimolare la mente e a mantenerla attiva, il che può essere utile per mantenere le funzioni cognitive.

Mindfulness o meditazione

La mindfulness o la meditazione possono essere un’ottima distrazione per gli anziani che sono in grado di praticare queste attività. Permette loro di concentrarsi sul respiro e di distogliere la mente dal trattamento. La mindfulness e la meditazione possono anche contribuire a ridurre lo stress e l’ansia e a migliorare il benessere generale. Può essere utile per gli anziani che hanno difficoltà a dormire o che hanno a che fare con il dolore cronico.

Per gli anziani che si avvicinano per la prima volta alla mindfulness e alla meditazione, è importante iniziare con tecniche semplici come esercizi di respirazione profonda o meditazioni guidate studiate appositamente per gli anziani. Sono disponibili molte applicazioni e siti web che offrono risorse e indicazioni gratuite per aiutare gli anziani a iniziare con la mindfulness e la meditazione. È importante considerare le capacità cognitive e le limitazioni di mobilità dell’anziano quando si sceglie una tecnica di mindfulness o di meditazione.

Sono disponibili molti siti web gratuiti che offrono risorse e indicazioni per la mindfulness e la meditazione per gli anziani.

Consiglio 7: Coinvolgerli nel processo decisionale

Coinvolgere gli anziani nel processo decisionale può contribuire ad alleviare paure e preoccupazioni, facendoli sentire più padroni della situazione.

È importante fornire all’anziano informazioni accurate e pertinenti sulle opzioni terapeutiche e spiegare i benefici e i rischi di ciascuna opzione. Questo aiuterà l’anziano a prendere una decisione informata sul trattamento più adatto alle sue esigenze.

È inoltre importante rispettare l’autonomia dell’anziano e il suo diritto di prendere decisioni sulle proprie cure. Ciò significa permettere all’anziano di prendere la decisione finale sul trattamento, anche se questa differisce dal vostro parere.

Consiglio 8: Seguire il processo

Seguire l’anziano dopo il trattamento può aiutare a garantire il suo benessere e ad affrontare eventuali timori o preoccupazioni persistenti.

È importante verificare con l’anziano come sta e affrontare qualsiasi problema o preoccupazione che possa avere riguardo al trattamento o alla guarigione. Questo può contribuire ad alleviare eventuali timori o preoccupazioni e a garantire che l’anziano sia a suo agio e fiducioso nella sua guarigione.

È inoltre importante fornire all’anziano informazioni su eventuali cure o trattamenti successivi che potrebbero essere necessari e spiegare lo scopo e i benefici di tali cure. Questo aiuterà l’anziano a comprendere l’importanza delle cure successive e a sentirsi più tranquillo e fiducioso nella propria guarigione.

Inoltre, è importante coinvolgere nel processo di monitoraggio anche i familiari o gli amici più stretti, che possono fornire un ulteriore sostegno e avere una visione preziosa delle preoccupazioni e dei timori dell’anziano.

In sintesi, il monitoraggio è un passo importante per aiutare l’anziano a superare la paura delle cure mediche. Seguire l’anziano dopo il trattamento può aiutare a garantire il suo benessere, ad affrontare eventuali paure o preoccupazioni persistenti, a fornire informazioni sulle cure successive e a coinvolgere i familiari o gli amici più stretti nel processo. Seguendo i contatti, gli assistenti e gli operatori sanitari possono contribuire ad alleviare i timori e le preoccupazioni e a far sentire l’anziano più a suo agio e fiducioso nella sua guarigione.

 

Cosa può fare il caregiver se l’anziano continua a rifiutare di vedere un medico o di andare in ospedale

 

Se la persona cara continua a rifiutarsi di vedere un medico o di andare in ospedale, potrebbe essere necessario prendere in considerazione la possibilità di chiedere un aiuto esterno. In questo caso è possibile rivolgersi al medico di base, a un responsabile dell’assistenza geriatrica o a un assistente sociale. Questi possono aiutare a orientarsi nel sistema sanitario e a trovare le risorse per aiutare il proprio caro.

 

Se non si riesce a convincere il proprio caro a rivolgersi a un medico, si può anche prendere in considerazione la nomina di un tutore legale. In questo modo si avrà l’autorità legale di prendere decisioni in materia di assistenza sanitaria per conto del congiunto.

In alcuni casi, potrebbe essere necessario ricorrere a un aiuto professionale, come una consulenza o una terapia, per aiutare la persona cara a superare le sue paure e le sue preoccupazioni riguardo alla richiesta di cure mediche.

 

In definitiva, in qualità di caregiver, è importante essere pazienti, comprensivi e solidali quando la persona cara è restia a rivolgersi a un medico. Con il tempo e la pazienza, potrete aiutarlo a superare le sue paure e a ricevere le cure mediche di cui ha bisogno. Occorre ricordare che la salute e il benessere della persona amata sono la cosa più importante ed è essenziale difendere la persona e le sue esigenze.

3. Conclusione

Conclusione Articolo Ascolto anziani

Aiutare gli anziani a superare la paura delle cure mediche può essere un compito impegnativo, ma è fondamentale per il loro benessere. È importante che i caregiver comprendano che gli anziani possono avere prospettive diverse e possono essere titubanti nel richiedere cure mediche. 

È quindi essenziale un approccio personalizzato, che tenga conto delle esigenze, delle convinzioni e delle preferenze dell’individuo. I caregiver devono utilizzare una comunicazione chiara ed empatica, affrontare le loro preoccupazioni e paure e fornire informazioni accurate sulle opzioni di trattamento. È importante coinvolgere l’anziano nel processo decisionale, rispettare la sua autonomia e avere pazienza. 

Aiutare gli anziani a capire l’importanza di rivolgersi a un medico e sostenere durante il processo può contribuire ad alleviare le loro paure e preoccupazioni. È importante ricordare che ogni persona anziana è unica e che un approccio personalizzato è la chiave del successo per aiutarla a superare la paura delle cure mediche.

Testimonianze

“I vostri prodotti sono eccezionali, lo dico veramente, a mio padre è passato un eritema che aveva da anni sul braccio! Grazie di Cuore!”

Gianluca R.

“Assolutamente sì! Anzi, ti dirò, perfino meglio, la pelle rimane morbida e ben idratata. Sono molto soddisfatta, tanto che lo uso anche come detergente intimo! ☺

Federica M.
Federica M.

“Ottimo prodotto! Lo uso da pochissimo, e già ha contribuito, ad esempio, a diminuire di molto il prurito locale! Credo che non ne farò più a meno ?

Eriola G.

“Ottimo prodotto! il prezzo è molto accessibile.”

Mary

Bioderm Kit di Assistenza Domiciliare – L’igiene Professionale a Casa

Testimonianze

“I vostri prodotti sono eccezionali, lo dico veramente, a mio padre è passato un eritema che aveva da anni sul braccio! Grazie di Cuore!”

Gianluca R.

“Assolutamente sì! Anzi, ti dirò, perfino meglio, la pelle rimane morbida e ben idratata. Sono molto soddisfatta, tanto che lo uso anche come detergente intimo! ☺

Federica M.
Federica M.

“Ottimo prodotto! Lo uso da pochissimo, e già ha contribuito, ad esempio, a diminuire di molto il prurito locale! Credo che non ne farò più a meno ?

Eriola G.

“Ottimo prodotto! il prezzo è molto accessibile.”

Mary

Bioderm Kit di Assistenza Domiciliare – L’igiene Professionale a Casa